mercoledì 18 marzo 2015

Micronutrienti: Vitamine Liposolubili

469x60

La nostra alimentazione e' composta da Macronutrienti e Micronutrienti. La nutrizione studia gli effetti degli alimenti e dei loro costituenti all'interno dell'organismo.
Innanzitutto va notato come si proceda ad una distinzione a livello quantitativo e di dosaggio:
i macronutrienti sono solitamente dosati in grammi/giorno,
i micronutrienti vengono invece dosati in frazione di grammo/giorno.
I micronutrienti non apportano calorie e sono generalmente reperibili in alimenti quali la frutta e la verdura.

In questo post parleremo dei Micronutrienti, come le vitamine ed i sali minerali. Nello specifico delle Vitamine Liposolubili.


Le vitamine non possono essere sintetizzate dal nostro organismo e pertanto devono essere
necessariamente introdotto attraverso l'alimentazione. Esiste un'eccezione rappresentata dalla vitamina D, che tramite l'esposizione ai raggi solari riesce ad essere prodotta in via endogena dal nostro corpo, la cui funzione e' legata alla calcificazione ossea.

Le vitamine si distinguono in
Liposolubili, ossia solubili nei grassi e veicolate dai grassi stessi (Vitamine KADE)
Idrosolubili, ossia solubili in acqua (Vitamine BC)
A differenza delle liposolubili, le vitamine idrosolubili possono creare un eccesso vitaminico, ed accumularsi nel fegato. Ne e' un esempio la vitamina A. Proprio per questo si consiglia solitamente il betacarotene che e' un precursone della vitamina A.

Vitamina A.
Come anticipato se introdotta in eccesso puo' dare problemi a livello epatico. La sua assimilazione e' favorita dai grassi e dalla presenza di vitamina E. Svolge un ruolo di protezione delle mucose e degli occhi. Una prolungata esposizione al sole puo' far perdere depositi di vitamina A. Tra le fonti alimentari in cui possiamo trovare la vitamina A ricordiamo il fegato, il latte, il tuorlo d'uovo, i vegetali di color giallo e verde.

Vitamina D.
La sua funzione principale e' legata alla mineralizzazione e alla crescita ossea. In grado di ridurre problemi di osteoporosi attraverso l'assimilazione del calcio.
Tra le fonti alimentari in cui troviamo la vitamina D, il fegato, il latte, le uova, i pesci, l'olio di fegato di merluzzo.

Vitamina E.
La sua funzione antiossidamente e' ben nota, protegge le membrane cellulari dai radicali liberi e ne impedisce l'ossidazione, questo perche' la vitamina E e' in grado di stabilizzare l'ossigeno presente cedendo elettroni evitando cosi' fenomeni di ossidazione. L'esposizione solare tende a distruggere la vitamina E. Le fonti alimentari in cui la troviamo sono l'olio di oliva, l'olio di semi, il fegato, il tuorlo, il germe dei cereali integrali e gli ortaggi verdi.

Vitamina K.
La vitamina K e' sintetizzata da alcuni tipi di batteri presenti nell'apparanto digerente. Riveste un ruolo fondamentale per la coagulazione ematica, formando la protombrina. Tra le fonti alimentari in cui possiamo comunque trovarla ricordiamo il fegato, il tuorlo d'uovo e gli ortaggi verdi.


Nessun commento:

Posta un commento